R i s o r s e   M u l t i m e d i a l i

Varie

Un Mondo di Poesie
Un mondo di poesie: alcune poesie famose della nostra cultura (facilmente reperibili nei testi o su apposite librerie digitali), poesie dialettali, poesie di culture arcaiche o quasi sconosciute, poesie oltre la cultura occidentale, poesie...

             
 

La ninna-nanna de la guerra

(Trilussa - ottobre 1914)

 

Ninna nanna, nanna ninna,

er pupetto vô la zinna1:

dormi, dormi, cocco bello,

sennò chiamo Farfarello2

Farfarello e Gujrmone3

Gujermone e Ceccopeppe4

che se regge co' le zeppe,

co' le zeppe d'un impero

mezzo giallo e mezzo nero.

 

Ninna nanna, pija sonno

ché se dormi nun vedrai

tante infamie e tanti guai

che succedeno ner monno

fra le spade e li fucili

de li popoli civili...

 

Ninna nanna, tu nun senti

li sospiri e li lamenti

de la gente che se scanna

per un matto che commanna;

che se scanna e che s'ammazza

a vantaggio de la razza...

o a vantaggio d'una fede

per un Dio che nun se vede,

ma che serve da riparo

ar Sovrano macellaro.

 

Ché quer covo d'assassini

che c'insanguina la terra

sa benone che la guerra

è un gran giro de quatrini

che prepara le risorse

pe' li ladri de le Borse.

 

Fa' la ninna, cocco bello,

finché dura 'sto macello:

fa' la ninna, ché domani

rivedremo li sovrani

che se scambieno la stima

boni amichi come prima.

So' cuggini e fra parenti

nun se fanno comprimenti:

torneranno più cordiali

li rapporti personali.

 

E riuniti fra de loro

senza l'ombra d'un rimorso,

ce faranno un ber discorso

su la Pace e sul Lavoro

pe' quer popolo cojone

risparmiato dar cannone!

 

1) La poppa.

2) Il diavolo.

3) Guglielmo II.

4) Francesco Giuseppe.

 

Nota: musicata da Claudio Baglioni.

Ascolta la versione MIDI

Ninna nanna nanna ninna.mid

Ascolta la versione cantata MP3

Baglioni_Ninna nanna.mp3

 

Canzona di Bacco

(Lorenzo il Magnifico 1449-1492)

 

Quant’è bella giovinezza,

che si fugge tuttavia!

chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c’è certezza.         

Quest’è Bacco ed Arïanna,

belli, e l’un de l’altro ardenti:

perché ’l tempo fugge e inganna,

sempre insieme stan contenti.

Queste ninfe ed altre genti

sono allegre tuttavia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c’è certezza.

        Questi lieti satiretti,

delle ninfe innamorati,

per caverne e per boschetti

han lor posto cento agguati;

or da Bacco riscaldati

ballon, salton tuttavia.

Chi vuol esser lieto, sia

di doman non c’è certezza.

        Queste ninfe hanno anco caro

da lor essere ingannate:

non può fare a Amor riparo,

se non gente rozze e ingrate:

ora insieme mescolate

suonon salton tuttavia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c’è certezza.

        Questa soma, che vien drieto

sopra l’asino, è Sileno:

così vecchio è ebbro e lieto,

già di carne e d’anni pieno;

se non può star ritto, almeno

ride e gode tuttavia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c’è certezza.

        Mida vien dopo a costoro:

ciò che tocca, oro diventa.

E che giova aver tesoro,

s’altro poi non si contenta?

Che dolcezza vuoi che senta

chi ha sete tuttavia?

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c’è certezza.         

Ciascun apra ben gli orecchi,

di doman nessun si paschi;

oggi siàn, giovani e vecchi,

lieti ognun, femmine e maschi;

ogni tristo pensier caschi:

facciam festa tuttavia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c’è certezza.

        Donne e giovinetti amanti,

viva Bacco e viva Amore!

Ciascun suoni, balli e canti!

Arda di dolcezza il core!

Non fatica, non dolore!

Ciò ch’a esser convien sia.

Chi vuol esser lieto, sia:

di doman non c’è certezza  

 

Mala Femmena

(Antonio De Curtis in arte Totò - 1951)

 

Si avisse fatto a n'ato
chello ch'hê fatto a me,
st'ommo t'avesse acciso...
e vuó' sapé pecché?
Pecché 'ncopp'a 'sta terra,
femmene comm'a te,
nun ce hann''a stá pe' n'ommo
onesto comm'a me...

Femmena,
tu si' na malafemmena...
a st'uocchie hê fatto chiagnere,
lacreme 'e 'nfamitá...

Femmena,
tu si' peggio 'e na vipera,
mm'hê 'ntussecato ll'ánema,
nun pòzzo cchiù campá...

Femmena,
si' doce comm''o zzuccaro...
peró 'sta faccia d'angelo,
te serve pe' 'nganná!

Femmena,
tu si' 'a cchiù bella femmena...
te voglio bene e t'odio:
nun te pòzzo scurdá...

II

Te voglio ancora bene,
ma tu nun saje pecché...
pecché ll'unico ammore
si' stato tu pe' me!...
E tu, pe' nu capriccio,
tutto hê distrutto oje né'...
Ma Dio nun t''o pperdona
chello ch'hê fatto a me...

 

 

 

Nota: famosissima canzone napoletana.

 

 

 

Ascolta la versione MIDI

Malafemmena.mid

Ascolta la versione cantata MP3

Malafemmena (Roberto Murolo).mp3

 
             
 

Nummeri

(Trilussa - ottobre 1944)

 

Conterò poco, è vero:

- diceva l’Uno ar Zero -

ma tu che vali? Gnente: proprio gnente.

Sia ne l’azzione come ner pensiero

rimani un coso vôto e inconcrudente.

Io, invece, se me metto a capofila

de cinque zeri tale e quale a te,

lo sai quanto divento? Centomila.

è questione de nummeri. A un dipresso

è quello che succede ar dittatore

che cresce de potenza e de valore

più so’ li zeri che je vanno appresso.

 

Tanto gentile

(Dante Alighieri 1265-1321)

 

Tanto gentile e tanto onesta pare

la donna mia quand'ella altrui saluta,

ch'ogne lingua deven tremando muta

e gli occhi no l'ardiscon di guardare.

Ella si va, sentendosi laudare,

benignamente d'umiltà vestuta;

e par che sia una cosa venuta

da cielo in terra a miracol mostrare.

Mostrasi sì piacente a chi la mira,

che dà per gli occhi una dolcezza al core,

che 'ntender no.lla può chi no.lla prova;

e par che della sua labbia si mova

un spirito soave pien d'amore,

che va dicendo all'anima: Sospira.

 

L'Infinito

(Giacomo Leopardi - 1819)

 

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,

E questa siepe, che da tanta parte

Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

Spazi di là da quella, e sovrumani

Silenzi, e profondissima quiete

Io nel pensier mi fingo; ove per poco

Il cor non si spaura. E come il vento

Odo stormir tra queste piante, io quello

Infinito silenzio a questa voce

Vo comparando: e mi sovvien l'eterno,

E le morte stagioni, e la presente

E viva, e il suon di lei. Così tra questa

Immensità s'annega il pensier mio:

E il naufragar m'è dolce in questo mare

 
         
 

Ed è subito sera

(Salvatore Quasimodo 1901-1968)

 

Ognuno sta solo sul cuor della terra

trafitto da un raggio di sole:

ed è subito sera.

 
 

Il Cantico delle Creature

(San Francesco d'Assisi 1181 - 1226)

 

Altissimu, onnipotente bon Signore,

Tue so' le laude, la gloria e l'honore et onne benedictione.

Ad Te solo, Altissimo, se konfano,

et nullu homo ène dignu te mentovare.

 

 Laudato sie, mi' Signore cum tucte le Tue creature,

spetialmente messor lo frate Sole,

lo qual è iorno, et allumini noi per lui.

Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore:

de Te, Altissimo, porta significatione.

 

 Laudato si', mi Signore, per sora Luna e le stelle:

in celu l'ài formate clarite et pretiose et belle.

 

 Laudato si', mi' Signore, per frate Vento

et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,

per lo quale, a le Tue creature dài sustentamento.

 

  Laudato si', mi Signore, per sor'Acqua.

la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.

 

Laudato si', mi Signore, per frate Focu,

per lo quale ennallumini la nocte:

ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte.

 

 Laudato si', mi Signore, per sora nostra matre Terra,

la quale ne sustenta et governa,

et produce diversi fructi con coloriti fior et herba.

 

 Laudato si', mi Signore, per quelli che perdonano per lo Tuo amore

et sostengono infrmitate et tribulatione.

 

 Beati quelli ke 'l sosterranno in pace,

ka da Te, Altissimo, sirano incoronati.

 

 Laudato s' mi Signore, per sora nostra Morte corporale,

da la quale nullu homo vivente pò skappare:

guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali;

beati quelli ke trovarà ne le Tue sanctissime voluntati,

ka la morte secunda no 'l farrà male.

 

 Laudate et benedicete mi Signore et rengratiate

e serviateli cum grande humilitate.